About me - Tokaido Kensha Shiba Lombardia provincia Brescia - cuccioli allevamento

Title
Vai ai contenuti

About me

Mi presento, mi chiamo Gaspare allevo shiba inu per passione, sono sposato e vivo sul lago d’ Iseo in provincia di Brescia con mia moglie, la mia bellissima bambina Aurora, Yuki ed Enishi.

Fin da piccolo ho sempre adorato gli animali, nel particolare i cani, i gatti e anche i pappagalli, infatti fin dall’ adolescenza adoravo allevare i Pappagalli “inseparabili”, poi crescendo, appena avuta la disponibilità di spazio e tempo per potermi prender cura di un animale più impegnativo, iniziai a guardarmi intorno alla ricerca di razza canina che potesse attrarmi.  Suscitando in me continua curiosita' e fascino il paese del sol levante, mi imbattei quasi casualmente nello Shiba, dopo aver visitato l’allevamento dell' ora amico Stefano SARDONINI ( All. Del Castelfalcino) capii che ormai lo Shiba era la scelta. Ormai era solo questione di tempo, così dopo quattro/cinque mesi arrivò  Yuki go di Casasaporito. Nello stesso anno ho avuto l’ opportunità di visitare il Giappone con lo stesso Toni Saporito e altri akitisti in visita presso gli show Hobuten dell’Akiho.
Recandomi all’ Hobuten (la più grande competizione di Akita in Giappone) nella città di Odate, ebbi la fortuna di visitare l’allevamento di Shiba con affisso Shikuen, da dove arriva la mamma della mia Yuki.  
In seguito, anche grazie alla conoscenza dell’ allevatrice Elettra Grassi (all.to Tessaiga), ho aumentato le mie conoscenze per quanto riguarda le linee di sangue e la storia dell’ allevamento dello Shiba italiano ed Europeo, in particolar modo nel Nord Europa, restandone affascinato.
Explorer’s Hiro è stato il cane che ha segnato la mia vita di shibista, quanto meno gli inizi!
In questo modo arriva Enishi, avendo così la possibilità di adottare il mio primo grande cane, che racchiude in se non solo la storia dello Shiba Svedese (da parte di madre) ma anche tutte quelle  qualità caratteriali che fanno dello Shiba un grande cane: il coraggio, la sfrontatezza, la dignità, la lealtà e quello sguardo furbo ed intenso di chi pensa sempre di essere un passo avanti. Nell’ occasione mi recavo io stesso in Svezia visitando così l’ allevamento Explorer’s, uno dei più importanti allevamenti di shiba nel mondo, dove la proprietaria Birgit Hillerby Eriksson seppur in poche ore mi dimostrò l’ amore sincero che nutriva per questa razza e la dedizione che aveva per i suoi cani, e ancora di più mi innamoravo di questa razza.
Nel giugno 2017 dopo aver mediato due femmine con due diversi allevatori di shiba giapponesi, andai da solo nel paese del sol levante per la seconda volta, avendo così la possibilità di approfondire la conoscenza culturale dello stesso paese. Dato che non si smette mai di imparare ho deciso da qualche tempo di provare a leggere alcuni Kanji per meglio identificare gli shiba che si vedono in facebook, e risalire alle loro linee di sangue. Mi confronto periodicamente con allevatori di altri paesi europei ed asiatici, poichè il movimento shibista è in continuo sviluppo e trovo fondamentale restare aggiornati sulle linee di sangue e tendenze della madre patria. Per quanto io credo fortemente nell' importazione dal Giappone, ho scoperto che i giapponesi vendono abbastanza facilmente agli stranieri (non tutti), tuttavia per meritarsi il loro rispetto e i loro cani migliori non bastano i soldi (fortunamente)!



 
OBBIETTIVI
L’ obbiettivo principale è quello di preservare la razza così come è concepita dai giapponesi, quindi il primo aspetto è quello della bellezza nel senso più ampio,quindi il mantenimento dell’ espressione forte e dignitosa, degli occhi a triangolo e della loro inclinazione, della canna nasale con la giusta proporzione (purtroppo alcuni tendono ad accorciarla troppo altri a tollerarla troppo lunga), fino al busto che sta nel rettangolo (10/11)e alla funzionalità del pelo che dovrebbe proteggerli dai cespugli spinosi (fitto pelo di guardia). In secondo luogo il carattere, che oltre a tener conto di quanto richiesto nella loro madre patria, verrà mediato tramite la crescita in famiglia dei cuccioli e l’ educazione che da non solo Yuki ma anche di Enishi che già dal 30esimo giorno generalmente accompagna i cuccioli nel loro sviluppo e non meno importante la vita familiare, in particolar modo con Aurora (l’ ultima esperienza con i cuccioli è stata fantastica). I cuccioli nati dal 2017 in poi verranno anche seguiti dal 35esimi giorno di vita da un educatore cinofilo abilitato Enci. Inoltre per quanto mi riguarda tento di abituare i cuccioli ai rumori forti, ad essere asciugati col soffiatore e alle brevi passeggiate (sopra i 50 giorni) e per chi è interessato li abituo al tavolino e al guinzaglio da show. Non ultimo punto per importanza è la salute, infatti sia Enishi che Yuki sono testati alle anche, ginocchia e occhi, e anche la progenie testata è risultata esente. Personalmente mi piace essere aggiornato e osservare  lo stile giapponese degli Shiba ed in particolar modo facendo riferimento  alle linee classiche. Fortunatamente non è così difficile trovare i risultati Nippo in internet e vedere quanto meno i piazzamenti.
Enishi da riproduttore selezionato è disponibile per monte solo per femmine con pedigree e con minimo esame alle anche.
Torna ai contenuti